Torna alla pagina iniziale




Contatti

Chi siamo

Documenti

Aree tematiche

Avvisi di gara

I progetti

Leggi regionali

Documenti del territorio

Comitato Dati Territoriali

Sperimentazioni

Siti di interesse


LEGGI REGIONALI
in materia di cartografia e sistemi informativi territoriali

Regione ABRUZZO

LEGGE
Argomento
Titolo
ABRUZZO / L. n.60 del 03.08.1988
Sistema informativo territoriale
Norma per l' impiego, la conservazione e la manutenzione del sistema informativo territoriale regionale.
ABRUZZO / L.n.24 del 31.03.1992
Cartografia tematica
Progetto Cartografia Geologica e Geotematica del territorio regionale

 

LEGGE REGIONALE N. 60 DEL 3-08-1988
REGIONE ABRUZZO


Norma per l' impiego, la conservazione e la manutenzione del sistema informativo territoriale regionale

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE ABRUZZO
N. 23 del 9 settembre 1988

ARTICOLO 1 (Finalità della norma)
La Regione provvede alla formazione, alla conservazione ed alla manutenzione del sistema informativo territoriale attraverso banche dati, curandone anche l' accesso e la divulgazione.
La Regione, nell' ambito del proprio sistema informativo, provvede altresì alla formazione, alla manutenzione ed alla diffusione della ortofotocarta regionale e delle altre cartografie tecniche, tematiche e derivate, da essa stessa prodotte o ad essa affidate.

ARTICOLO 2 (Collegamenti con altri enti)
Per gli adempimenti conseguenti a quanto previsto nel precedente art. 1, la Giunta regionale, mediante il Servizio informatica per le funzioni e gli altri settori competenti, stabilisce collegamenti con enti pubblici che operano nel campo dei sistemi informativi territoriali.
Le forme di collaborazione possono essere disciplinate anche con la stipulazione di convenzioni.

ARTICOLO 3 (Competenze della Giunta regionale)
La Giunta regionale è autorizzata a:
1) riprodurre su supporto cartaceo o magnetico le informazioni facenti parte del sistema informativo territoriale;
2) produrre output grafici;
3) provvedere alla stampa di cartofotocarta regionale;
4) provvedere alla stampa di cartografie tecniche e tematiche prodotte dalla Regione o ad essa affidate;
5) di riprodurre o far riprodurre copie positive di fotogrammi e di elaborazioni fotografiche.
La Giunta regionale è altresì autorizzata a curare direttamente la vendita degli elaborati di cui sopra e la distribuzione gratuita agli aventi diritto secondo le indicazioni di cui agli articoli seguenti.


ARTICOLO 4 (Diffusione delle informazioni)
La Giunta regionale è autorizzata, fatte salve le riserve di legge, a consentire l' accesso gratuito alle informazioni del sistema informativo territoriale ai seguenti Enti: Province, Comuni, Comunità Montane, ULSS, Consorzi di Bonifica ed altri Enti pubblici interessati alla gestione del territorio limitatamente alle zone di rispettiva competenza.
La Giunta regionale è altresì autorizzata a distribuire gratuitamente cinque copie della ortofotocarta regionale, limitatamente alla porzione di territorio di loro pertinenza, agli enti di cui al capoverso precedente.
La fornitura gratuita di elaborati necessari agli uffici della Giunta regionale dovrà essere di volta in volta autorizzata dal componente della Giunta preposto al servizio informatica per le funzioni o suo delegato.
Allo scopo di favorire la conservazione e l' accesso alle informazioni territoriali, il Servizio Informatica per le funzioni è autorizzato ad acquisire copie originali degli studi sul territorio o della ulteriore documentazione di cui agli articoli precedenti.
Tale materiale andrà depositato presso la cartoteca, fototeca e banca dati regionali dell' Ufficio Informazioni Territoriali e Cartografiche.

ARTICOLO 5 (Cessione dei prodotti del sistema informativo territoriale)
I proventi della vendita dei prodotti precedentemente menzionati vanno introitati in un apposito capitolo dello stato di previsione dell' entrata del bilancio regionale.
I prezzi di vendita per i materiali disponibili e le modalità di cessione sono stabiliti dal Consiglio regionale. Essi sono aggiornati annualmente dalla Giunta regionale sulla base delle variazioni accertate dall' ISTAT, dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati verificatesi, con arrotondamento alle mille lire.
Il Consiglio regionale, salvo quanto previsto dal secondo comma del precedente art. 4, applica prezzi ridotti per le seguenti categorie di acquirenti: enti pubblici comunque operanti sul territorio regionale, università degli studi, scuole di ogni ordine e grado, studenti.

ARTICOLO 6 (Cessione della cartografia prodotta da enti vari e dalla ex Cassa per il Mezzogiorno)
La Giunta regionale è autorizzata alla vendita della cartografia prodotta da enti pubblici vari, compresa l' agenzia di cui alla legge 64/ 85, secondo le convenzioni stipulate con gli enti interessati.

ARTICOLO 7 (Utilizzazione dei proventi)
Le somme riscosse per effetto degli artt. 5 e 6 della presente legge sono utilizzate per far fronte alle spese necessarie per la conservazione, l' aggiornamento, la stampa e la sovrastampa delle cartografie regionali e per gli aggiornamenti previsti dalle convenzioni stipulate con gli altri enti.

ARTICOLO 8 (Rapporti con altri enti)
Allo scopo di garantire il costante aggiornamento del sistema informativo territoriale per evitarne l' obsolescenza ed al fine di svolgere una adeguata azione di collegamento nell' ambito della Regione e tra i vari enti regionali e sub - regionali interessati alla gestione del territorio, il servizio informatica per le funzioni e gli altri settori competenti sono tenuti a prestare la loro collaborazione per lo studio di interventi operativi sia cartografici che informativi comunque posti in essere, anche per fini di necessario coordinamento.

ARTICOLO 9 (Struttura amministrativa)
Con successivo provvedimento si provvederà alle necessarie modifiche della struttura amministrativa regionale per adeguarla alle esigenze organizzative e funzionali conseguenti ai compiti di cui alla presente legge.

ARTICOLO 10 (Norma finanziaria)
All' onere derivante dall' applicazione della presente legge, valutato, per l' anno 1988, in L. 30.000.000, si provvede introducendo le seguenti variazioni, in termine di competenza e cassa, nel bilancio di previsione per il medesimo esercizio:
OMISSIS

ARTICOLO 11
La presente legge è dichiarata urgente ed entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione.
La presente Legge Regionale sarà pubblicata nel << Bollettino Ufficiale della Regione >>.
E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione Abruzzo.


Data a L' Aquila, addì 3 agosto 1988.

 

LEGGE REGIONALE N. 24 DEL 31-03-1992
REGIONE ABRUZZO


Progetto Cartografia Geologica e Geotematica del territorio regionale

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE ABRUZZO
N. 12 del 15 aprile 1992

ARTICOLO 1 (Finalità )
1. La Regione Abruzzo, al fine di pervenire alla più puntuale ed aggiornata conoscenza del proprio territorio e allo scopo di dotarsi dello strumento tecnico fondamentale per la tutela e la difesa del suolo, anche in rapporto con le esigenze della pianificazione di bacino idrografico, realizza la Carta Geologica dell' intera area regionale compresa la piattaforma continentale sino al limite delle acque territoriali.

ARTICOLO 2 (Realizzazione)
1. La finalità posta al precedente articolo è conseguita per successivi lotti.
2. Il primo lotto, comprendente la realizzazione di quattro fogli geologici alla scala 1: 50.000 su base topografica ufficiale prodotta dall' Istituto Geografico Militare Italiano, è realizzato in compartecipazione con il Ministero dell' Ambiente nell' ambito del programma Carta Geologica( CARG) di cui al Piano Triennale 1989- 91 deliberato dal CIPE il 3 agosto 1990 in attuazione della Legge 28 agosto 1989, n. 305.
3. La Regione partecipa alla spese relative al primo lotto con un proprio finanziamento di L. 2.500 milioni.
4. Con successive norme si provvede a determinare gli ulteriori lotti e a quantificare le relative spese.

ARTICOLO 3 (Norma finanziaria)
1. All' onere derivante dell' applicazione della presente legge, determinato, per l' anno 1992, in L. 2.500.000.000, si provvede, ai sensi dell' art. 38 della legge regionale di contabilità 29- 12- 1977, n. 81, con il fondo globale iscritto al Cap. 325000 - all' uopo utilizzando l' apposita partita n. 5, che è soppressa – dello stato di previsione della spesa del bilancio per l' esercizio 1991.
2. Nello stato di previsione della spesa del bilancio per l' esercizio 1992 è istituito ed iscritto nel Sett. 15, Tit. 2, Cat. 1, Sez. 10, il Cap. 152116 denominato: << Spese per la partecipazione regionale alla realizzazione della carta geologica e geotematica - delibera CIPE 3- 8- 1990 >>, con lo stanziamento, in termini di sola competenza, di L. 2.500.000.000.
3. L' utilizzazione dello stanziamento previsto dalla presente legge ha luogo nel rispetto delle prescrizioni stabilite dalle leggi nº 651/ 1983 e n. 64/ 1986 e subordinatamente all' ammissione al finanziamento da parte del Ministero per gli interventi straordinari nel Mezzogiorno.

ARTICOLO 4 (Urgenza)
1. La presente legge è dichiarata urgente ed entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.
La presente legge regionale sarà pubblicata nel << Bollettino Ufficiale della Regione >>.
E' fatto obbligo, a chiunque spetti, di osservarla e di farla osservare come legge della Regione Abruzzo.


Data a L' Aquila, addì 31 Maezo 1992.


 

 

 
webmaster Torna all'inizio della pagina Centro Interregionale